elettrodotto ternaVecchiano – Prosegue l'impegno del Comune di Vecchiano contro la realizzazione di un nuovo elettrodotto da parte di Terna Spa che riguarderebbe, tra gli altri, anche il territorio di Filettole. Ricordiamo che la scorsa primavera, l'Ente vecchianese, attraverso una delibera della Giunta Comunale, aveva avviato il percorso con il quale promuoveva formalmente atto di intervento ad opponendum e si costituiva nel giudizio pendente dinanzi al Tar Toscana, al fine di far rigettare la domanda di annullamento del piano paesaggistico della Regione Toscana, avanzata da Terna Spa. L'azione peraltro e' stata intrapresa uniformemente dagli altri Comuni interessati dalla proposta progettuale, ovvero: Lucca, Massarosa, Camaiore, San Giuliano Terme. Ad agosto scorso, la stessa Terna aveva presentato un nuovo ricorso al fine di perseguire la propria idea progettuale. Per questo motivo, con una nuova delibera datata 31 agosto 2016, la Giunta Comunale autorizza l'Ente vecchianese a costituirsi in giudizio di cui al ricorso, pendente dinanzi al Tar Toscana. “Per quanto concerne il progetto, il Comune di Vecchiano evidenzia che la nuova linea tracciata sul territorio lucchese desta preoccupazione soprattutto a Filettole, per l'impatto che questo avrebbe sia dal punto di vista paesaggistico che dal punto di vista ambientale”, afferma il Sindaco, Massimiliano Angori. “Pertanto abbiamo deciso di proseguire l'impegno della passata Amministrazione Comunale che era stata in prima linea nell'azione congiunta portata avanti appunto insieme ai Comuni di Lucca, Massarosa, Camaiore, San Giuliano Terme e finalizzata a contrastare l'insediamento del nuovo elettrodotto sui nostri territori. Nelle scorse settimane, e precisamente il 10 settembre scorso, inoltre, c'è stato un incontro relativo proprio a questo argomento tra Amministrazione Comunale, Comitato “Laiano” di Filettole e Comitato STARC, per discutere insieme la questione e valutare le possibili soluzioni. Le nostre preoccupazioni, condivise da tutti i soggetti intervenuti, riguardano sia la tutela della salute dei cittadini che l'eventuale danneggiamento di un'area di rilevante importanza ambientale, storico-artistica e paesaggistica, essenziale anche ai fini dello sviluppo turistico del territorio che il Comune di Vecchiano ha intenzione di incrementare sempre più”, aggiunge il primo cittadino. “Sono queste le ragioni per le quali il Comune di Vecchiano ha deciso di intervenire, costituendosi nel giudizio per scongiurare, in tal modo, la realizzazione del progetto di riassetto della rete proposto da Terna”, conclude il Sindaco Angori.

Condividi questo articolo