Autorizzazione per occupazione temporanea di suolo pubblico - senza manomissioni del suolo o degli arredi pubblici

 

Referenti

Assistente di P.M. Cinzia Ricci

Responsabile del procedimento

Dott. Marcello Carrara

Oggetto della prestazione

Rilascio di autorizzazioni per l'occupazione di suolo pubblico, in assenza di manomissioni del suolo o degli arredi pubblici, quali pavimentazioni stradali, marciapiedi ed altro: in questi casi il procedimento è di competenza del Servizio Lavori Pubblici - U.O. Manutenzioni e Patrimonio

Eventuali altri uffici coinvolti nell'erogazione del servizio

U.R.P. – Servizio Lavori Pubblici, U.O. Manutenzioni e Patrimonio

Servizio Viabilità Provincia di Pisa in caso di interessamento delle Strade Provinciali n. 10 e 30, nell'attraversamento dei Centri Urbani di Migliarino, Nodica, Vecchiano, Avane e Filettole

Modalità di richiesta

Presentazione di apposita istanza presso l’Ufficio Relazioni col Pubblico (U.R.P.) almeno dieci giorni prima della prevista occupazione completa degli allegati richiesti (fatto salvo il rilascio del prescritto Nulla Osta della Provincia di Pisa nel caso di interessamento delle Strade Provinciali n. 10 e 30), utilizzando l'apposito modulo di richiesta (All. A).

Per occupazioni giornaliere di suolo pubblico per traslochi e piccoli lavori di manutenzione della durata al massimo di 10 ore di tempo, tra le ore 8:00 e le 18:00, che non prevedono modifiche o deroghe alla circolazione stradale, né manomissioni delle pavimentazioni, suolo o arredi pubblici, può essere utilizzato l'apposito modulo di richiesta semplificato (All. B), da presentarsi almeno 4 giorni lavorativi prima dell'inizio dell'occupazione (es. giovedì per lunedì).

Modalità e tempi di erogazione del servizio

Entro il termine di inizio della richiesta occupazione, se rispettati i termini di presentazione al Servizio di Polizia Municipale.

Documentazione da presentare con la richiesta

Apposito modulo debitamente e completamente compilato cui vanno allegati:

una planimetria quotata per evidenziante l’ubicazione dell’area, con l'indicazione degli ingombri delle occupazioni e degli spazi viari che restano transitabili dai veicoli e dai pedoni (non richiesta nel caso di occupazione giornaliera);

n° 1 Marca da bollo da euro 16,00 (fatte salve le esenzioni previste ai sensi dell’allegato B al D.P.R. 642/72 o ai sensi di disposizioni speciali: es. ONLUS, Associazioni iscritte all’albo regionale del volontariato, ecc.);

lafotocopia del documento di identità del richiedente in corso di validità, se il modulo con la richiesta non è presentato di persona dall'interessato.

Contributi a carico dell'utente

N° 1 Marca da bollo da euro 16,00 (fatte salve le esenzioni previste ai sensi dell’allegato B al D.P.R. 642/72 o ai sensi di disposizioni speciali: es. ONLUS, Associazioni iscritte all’albo regionale del volontariato, ecc.), da apporre sull'Autorizzazione al momento del ritiro;

Pagamento del canone per l’occupazione del suolo pubblico, calcolato dall'ufficio, unitamente alla cauzione da effettuarsi al momento del ritiro dell’Autorizzazione presso l'ufficio U.R.P. Comunale o attraverso versamento sul Conto corrente postale N. 135566 intestato a “Comune di Vecchiano Tesoreria comunale”, indicando nella causale: << Autorizzazione per occupazione suolo pubblico richiesta da ....... (nome e cognome del richiedente) >>.

Note per l'utente

La domanda va presentata direttamente all’U.R.P. Comunale, oppure per posta o P.E.C. (i termini del procedimento decorrono dalla sua effettiva recezione).

Successivamente il Servizio di Polizia Municipale provvederà ad istruire la pratica, di concerto con gli Uffici del Servizio Lavori Pubblici comunale. Il ritiro dell’autorizzazione andrà effettuato presso l’U.R.P. Comunale con sede in Vecchiano, Via XX settembre, n. 9, piano terra;

Apertura al pubblico:dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 12.30; martedì pomeriggio dalle 15.00 alle 17.30 e giovedì con orario dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 16.30. Nei mesi di luglio ed agosto l’U.R.P. è aperto solo al mattino.

Leggi e norme di riferimento

Dlgs. n°507/1993, Dlgs. n. 285/1992 (Codice della Strada) e D.P.R. 16/12/1992 n.495 (Regolamento d'esecuzione Codice della Strada);

Decreto Ministeriale del 10/07/2002 “Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo (G.U. 26 settembre 2002, n. 226, suppl. straord);

Regolamento Comunale per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.

 

Condividi questo articolo